Stradella, dove finiscono i libri che nessuno apre

[pubblicato originariamente su Pagina99, 13/10/2017]

In Italia aumentano i titoli in libreria, non i lettori. Gli unici a farci i soldi, così, sono i magazzini della logistica. Abbiamo visitato il più grande

Gli italiani leggono poco, eppure ogni anno siamo invasi da un numero di nuovi titoli sempre maggiore. Libri che si riversano sugli scaffali delle librerie a frotte, restano in bella vista per poche settimane, tornano in buona parte negli scatoloni. Il mercato editoriale italiano sta diventando anche (soprattutto?) questo, un business logistico immenso e complicatissimo.

Per raccontarlo bisogna venire a Stradella, a pochi chilometri da Pavia, dove ha sede lo stabilimento “Città del libro” della società di logistica Ceva. Qui ogni anno 400 magazzinieri movimentano 96 milioni di volumi. Tra i clienti ci sono grandi editori, come Mondadori, Rizzoli e Pearson, ma anche Messaggerie Libri, il distributore di circa 600 case editrici italiane, grandi, piccole e medie. Le rese dalle librerie, ogni anno, sono 24 milioni. Un movimento ogni quattro, insomma, è un libro che torna indietro.

Continua a leggere Stradella, dove finiscono i libri che nessuno apre

Le notizie di scienza della settimana #33

La copertina dell’edizione tascabile di “Nudge: Improving Decisions About Health, Wealth, and Happiness”, il libro di Richard H. Thaler e Cass R. Sunstein pubblicato per la prima volta nel 2008 da Yale University Press.

[pubblicato originariamente su Scienza in rete, 11 ottobre 2017]

NOBEL PER L’ECONOMIA AL TEORICO DEL NUDGING

Il premio Sveriges Riksbank per le scienze economiche del 2017 (il Nobel per l’economia) è andato a Richard Thaler, per i suoi contributi allabehavioural economics. Le ricerche di Thaler si sono concentrate nel campo della finanza e hanno mostrato come la razionalità degli agenti finanziari sia limitata. In particolare Thaler ha mostrato che la percezione del rischio cambia a seconda dell’orizzonte temporale che consideriamo e questo crea una tensione tra la pianificazione a lungo termine e le nostre azioni quotidiane.[The Conversation UK; Sergey V. Popov] 

Per far fronte alla limitatezza della nostra razionalità, Thaler, insieme con Sunstein, ha formulato la teoria del nudging. Nel loro libro del 2008, intitolato Nudge: Improving Decisions About Health, Wealth, and Happiness il nudging (la modifica della scelta di default) viene proposto come una strategia per ‘indirizzare’ i cittadini verso le scelte che loro stessi (in media) considerano migliori in tema di salute, ambiente, scuola, welfare. Da quel momento alcuni Paesi hanno adottato tecniche di nudging nella sanità (consenso alla donazione di organi) e nel welfare (fondi pensione). Ma che rischi corriamo quando sono soggetti privati a fare nudging? [The Upshot; Richard Thaler]

Anche quando è lo Stato a influenzare i comportamenti dei cittadini attraverso il nudging, la questione può essere controversa, soprattutto se si tratta di salute. Per decidere se prendere un farmaco, ad esempio, facciamo un bilancio tra benefici ed effetti collaterali. Prendiamo l’assunzione di statine per ridurre il rischio di infarto e ictus. Anche se esistono prove scientifiche che mostrano che le statine riducono il rischio relativo di infarto e ictus del 20% su cinque anni, un individuo potrebbe preferire altre strategie di riduzione del rischio, l’esercizio fisico ad esempio. Due ricercatori australiani suggeriscono delle strategie da seguire in questi casi: decisione condivisa tra medico e paziente e nudging esplicito[The Conversation; Carissa Bonner e Ben Newell] 

IL FUTURO E IL PASSATO DELLE MISSIONI SPAZIALI USA

Il 17 ottobre verrà pubblicato il libro ‘A Year in Space, A Lifetime of Discovery’ dell’astronauta americano Scott Kelly. Tra il marzo 2015 e il marzo 2016 Kelly ha passato 340 giorni nello spazio a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), stabilendo il record umano di permanenza fuori dall’atmosfera terrestre. Il giornale The Age pubblica un estratto del suo libro in cui racconta le difficoltà di riadattamento alla gravità nei giorni successivi al rientro. Una parte, consistente, degli esperimenti condotti sulla ISS hanno riguardato gli effetti sul corpo umano di una lunga permanenza nello spazio, in vista di una missione verso Marte. [The Age; Scott Kelly]

Le voci circolavano da tempo, ma sono diventate ufficiali solo la scorsa settimana. “We will return NASA astronauts to the moon”, ha dichiarato il vice presidente Mike Pence giovedì scorso durante l’incontro inaugurale del National Space Council. L’obiettivo di portare degli esseri umani su Marte, un progetto bandiera sostenuto da Obama, sembra dunque rimandato a un futuro lontano, anche nel caso in cui la Luna rappresenti una tappa intermedia verso Marte. Questa dichiarazione riallinea il programma spaziale degli Stati Uniti a quello delle altre agenzie mondiali, come ESA, Russia e soprattutto Cina, che dovrebbe inviare un rover nella parte inesplorata del nostro satellite entro il prossimo anno. [The Atlantic; Marina Koren]

Lunedì 9 ottobre l’azienda privata SpaceX ha lanciato nell’orbita terrestre 10 satelliti per le comunicazioni della compagnia IRIDIUM utilizzando il razzo Falcon 9. Per la società fondata da Elon Musk si tratta del quattordicesimo razzo lanciato con successo in orbita nel 2017. Il primo stadio propulsore di Falcon 9 è stato recuperato dalla piattaforma “Just Read the Instructions” posizionata nell’Oceano Pacifico. Nel pomeriggio dell’11 ottobre è previsto un nuovo lancio dal Kennedy Space Center per posizionare i satelliti della società di comunicazioni EchoStar. [Ars Technica; Eric Berger]

ETICA DELLA SCIENZA / POLITICA DELLA RICERCA

Ieri il presidente del parlamento catalano Puigdemont ha dichiarato l’indipendenza della Catalogna a seguito del referendum del 1° ottobre, ma la ha subito sospesa per avviare i negoziati con il governo di Madrid. La Catalogna, in particolare Barcellona, ha un ruolo trainante per la ricerca scientifica spagnola. Gli scienziati si dividono sugli effetti di un’eventuale rottura in termini di accesso ai fondi e possibiltà di collaborazione.[Science; Tania Rabesandratana]

Il 9 settembre scorso l’Economist titolava “Advances in AI are used to spot signs of sexuality”, parlando dell’algoritmo di deep machine-learning sviluppato da due ricercatori di Stanford in grado di riconoscere l’orientamento sessuale di una persona (eterosessuale/omosessuale) analizzando una foto del suo volto. Kosinski, lo scienziato che ha progettato lo studio, si è difeso dalle critiche dicendo che la sua intenzione era sollevare il problema prima che un simile strumento finisse nelle mani sbagliate. Ma restano i dubbi delle associazioni e degli scienziati. Questi ultimi sollevano questioni relative all’efficienza, ai fondamenti teorici (la controversa Prenatal Hormone Theory) e alle conclusioni dello studio (sono davvero le caratteristiche dei volti che l’algoritmo utilizza per fare la sua predizione?).[The New York Times; Heather Murphy]

Dalle pagine di Repubblica Renzo Guolo, professore di sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università di Padova, propone l’abolizione dei concorsi per arruolare i docenti negli atenei italiani. “Negli ultimi vent’anni le modalità di reclutamento sono cambiate più volte ma il concorso è rimasto la foglia di fico dietro al quale si nascondono molti.” I dipartimenti dovrebbero avere il diritto di chiamare direttamente gli abilitati il cui operato, in termini di insegnamento e ricerca, verebbe monitorato e avrebbe un’influenza sulla quota premiale dei fondi assegnati dal MIUR. [La Repubblica; Renzo Guolo]

MISCELLANEA

Pesano 270 mila tonnellate i 5000 miliardi di frammenti di plastica presenti nei nostri oceani. Di questi circa il 93% ha dimensione inferiore ai 5 mm: si tratta delle microplastiche, che sembra causino i danni più gravi alla salute degli animali, compresi gli esseri umani. La “International Conference on Microplastic Pollution in the Mediterranean Sea”, conclusasi a Capri il 29 settembre scorso, ha affrontato il problema della microplastiche nel Mar Mediterraneo, uno dei più trafficati del mondo. [Scienza in rete; Pietro Greco]

Una nuova misura della dimensione del protone, ottenuta studiando la frequenza di transizione di un elettrone tra i livelli 2S e 4P di un atomo di idrogeno, è in accordo con quella ottenuta considerando l’idrogeno esotico (con un muone al posto dell’elettrone) e in contrasto con le numerose misure effettuate in passato sull’idrogeno standard. Un nuovo tassello del proton-size puzzle[Science; Wim Vassen]

Secondo il rapporto ‘Digital in 2016’ di We Are Social, in Italia ogni 100 abitanti ci sono 134 cellulari ma solo 50 computer. Pietro Greco commenta questi dati che fotografano il nostro rapporto con le ICT. [Scienza in rete; Pietro Greco]

Le notizie di scienza della settimana #32

Ricostruzione al microscopio crio-elettronico di un transcribing cypovirus (Electron Microscopy Data Bank ID: 5376). Credit: A2-33. Licenza: CC BY-SA 3.0.

[pubblicato originariamente su Scienza in rete, 5 ottobre 2017]

CRIO-MICROSCOPIA ELETTRONICA

Il premio Nobel per la chimica del 2017 è andato a Jacques Dubochet, Joachim Frank and Richard Henderson, per aver sviluppato la microscopia crio-elettronica che ha permesso di ottenere immagini tridimensionali delle molecole biologiche con risoluzione atomica. La forma di una proteina è fondamentale per comprenderne la funzione, come ad esempio nel caso dei virus. [The New York Times; Kenneth Chang] 

Tra le più recente applicazioni della tecnica di microscopia premiata con il Nobel per la chimica 2017, c’è la scoperta della struttura del virus Zika, pubblicato a marzo del 2016 su Science[The Guardian; Nicola Davis] 

ONDE GRAVITAZIONALI

Il premio Nobel per la fisica del 2017 è stato assegnato a Rainer Weiss, Kip Thorne e Barry Barish per il loro contributo all’interferometro LIGO e l’osservazione delle onde gravitazionali. Nel febbraio dello scorso anno l’annuncio della prima osservazione di un’onda gravitazionale, una vibrazione dello spazio tempo prevista da Einstein più di cento anni fa. Per rilevarla è stato necessario misurare una deformazione della dimensione di un atomo su una distanza di circa 4 chilometri. Carlo Rovelli racconta del suo incontro con Kip Thorne agli inizi degli anni 2000 quando il fisico, oggi Nobel, gli disse: “Secondo te non dobbiamo provarci?”. [Corriere della Sera; Carlo Rovelli]

Proprio la scorsa settimana è arrivato l’annuncio dell’osservazione della quarta onda gravitazionale da parte della collaborazioe LIGO-VIRGO. Si tratta della prima osservazione realizzata con tre rivelatori, i due interferometri LIGO collocati in USA e l’interferometro VIRGO che si trova nella campagna vicino Pisa e ha cominciato a raccogliere dati ad agosto. I tre rivelatori hanno permesso di misurare per la prima volta la polarizzazione dell’onda e localizzare con maggiore precisione l’evento di collisione tra buchi neri che la ha originata 1,8 miliardi di anni luce lontano dalla Terra. [Los Angeles Times; Amira Khan]

La prima onda gravitazionale è stata osservata dai due interferometri di LIGO il 14 settembre 2015 e annunciata l’11 febbraio 2016. Il racconto della scoperta sul New Yorker. [The New Yorker; Nicola Twilley]

RITMI CIRCADIANI

Il premio Nobel per la fisiologia o la medicina del 2017 è stato assegnato a Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W. Young per le scoperte sui meccanismi che regolano i ritmi circadiani degli organismi viventi. Studiando il moscerino della frutta i tre scienziati hanno identificato il gene PER, che controlla i ritmi biologici giornalieri attraverso la produzione di una proteina che si accumula di notte nelle cellule e viene degradata di giorno. Tutti e tre i vincitori si sono formati e hanno trascorso la loro carriera accademica negli Stati Uniti. [New York Times; Gina Kolata] 

Mentre dormiamo espelliamo sostanze tossiche dal tessuto nervoso e potiamo le sinapsi. Ma non esiste ancora una risposta definitiva alla domanda: perché dormiamo? Il punto di Pamela Boldrin ed Ernesto Carafoli sulle ultime ricerche sul sonno. [Scienza in rete; Pamela Boldrin ed Ernesto Carafoli]

MISCELLANEA

Quando nel 2013 il Nobel per la fisica era stato assegnato a Francois Englert e Peter Higgs per la proposta teorica del bosone di Higgs, confermata sperimentalmente dai rivelatori ATLAS e CMS al CERN nel luglio 2012, c’erano state polemiche: perché non premiare tutti gli scienziati, oltre 5000, che avevano partecipato alla scoperta? La storia si ripete oggi con il Nobel per la fisica ai padri di LIGO. Il giornalista e scrittore scientifico Ed Yong riflette sul mito del genio solitario che viene assurdamente celebrato con l’assegnazione dei premi Nobel. La scienza è sempre più un’impresa collettiva. [The Atlantic; Ed Yong]

Nel 2015 l’espressione mass shooting è comparsa sui giornali americani 17489 volte. Nel 1980 venne usata solo due volte, in riferimento a una strage in Afghanistan. Gli episodi di violenza di massa che hanno visto l’utilizzo delle armi da fuoco sono effettivamente aumentati in numero negli ultimi 30 anni, ma non a questo ritmo. L’analisi di Five Thirty Eight sembra dimostrare che la sparatoria di massa è ormai un genere, televisivo e giornalistico. [Five Thirty Eight; Oliver Roeder]

L’esposizione, in età pediatrica e adolescenziale, a film che contengono scene di violenza è correlata con una maggiore propensione a maneggiare le armi nella realtà. Questo è il risultato dell’esperimento condotto da Kelly Dillon e Brad Bushman, ricercatori in psicologia e comunicazione presso The Ohio State University, pubblicato il 25 settembre su JAMA Pediatrics. Lo studio è particolarmente rilevante per gli Stati Uniti dove 1,7 milioni di bambini vivono in case dove le armi sono detenute senza adeguate precauzioni. [Scienza in rete; Maria Rosa Valletto]

Le notizie di scienza della settimana #31

Le torri d’avorio della Maughan Library del King’s College a Londra. Credit: BBC. Licenza: CC BY-SA 4.0.

[originariamente pubblicato su Scienza in rete, 27 settembre 2017]

ETICA DELLA SCIENZA / POLITICA DELLA RICERCA

Concorsi truccati: arrestati a Firenze sette professori universitari. A far partire l’inchiesta la denuncia del ricercatore Philip Laroma, che era stato “esortato” a ritirare la sua domanda di abilitazione come professore associato nel settore del diritto tributario. Dura la reazione della Ministra Fedeli che annuncia la pubblicazione di un codice di condotta per l’Università entro ottobre. [Il Sole 24 Ore; Redazione] 

Quali saranno le conseguenze delle elezioni tedesche per la ricerca scientifica e la politica energetica? Se il partito guidato da Angela Merkel formerà, come sembra probabile, una coalizione di governo con i verdi e i liberali, c’è da aspettarsi un dibattito acceso sulle regolamentazioni riguardandi gli OGM e i vincoli da imporre all’industria per ridurre delle emissioni di gas serra. [Nature; Quirin Schiermeier e Alison Abbott]

Amanda Welch, Cleyde Helena e Ian Street sono dei ‘recovering academics’. Tutti e tre hanno lasciato l’accademica dopo alcuni anni da Post-Doc e ora lavorano nell’ambito della comunicazione della scienza. Ma la transizione non è stata semplice e hanno pensato che condividere la loro esperienza avrebbe aiutato coloro che prendevano la stessa decisione. L’anno scorso hanno lasciato il podcast “Recovering Academic: There is Sunshine Outside the Ivory Tower”, e ha avuto un inaspettato successo.[Science; Amanda Welch, Cleyde Helena e Ian Street]

RADIO FRANKENSTEIN

Concorsi truccati: arrestati a Firenze sette professori universitari. A far partire l’inchiesta la denuncia del ricercatore Philip Laroma, che era stato “esortato” a ritirare la sua domanda di abilitazione come professore associato nel settore del diritto tributario. Dura la reazione della Ministra Fedeli che annuncia la pubblicazione di un codice di condotta per l’Università entro ottobre. [Il Sole 24 Ore; Redazione] 

Quali saranno le conseguenze delle elezioni tedesche per la ricerca scientifica e la politica energetica? Se il partito guidato da Angela Merkel formerà, come sembra probabile, una coalizione di governo con i verdi e i liberali, c’è da aspettarsi un dibattito acceso sulle regolamentazioni riguardandi gli OGM e i vincoli da imporre all’industria per ridurre delle emissioni di gas serra. [Nature; Quirin Schiermeier e Alison Abbott]

Amanda Welch, Cleyde Helena e Ian Street sono dei ‘recovering academics’. Tutti e tre hanno lasciato l’accademica dopo alcuni anni da Post-Doc e ora lavorano nell’ambito della comunicazione della scienza. Ma la transizione non è stata semplice e hanno pensato che condividere la loro esperienza avrebbe aiutato coloro che prendevano la stessa decisione. L’anno scorso hanno lasciato il podcast “Recovering Academic: There is Sunshine Outside the Ivory Tower”, e ha avuto un inaspettato successo.[Science; Amanda Welch, Cleyde Helena e Ian Street]

MIGRAZIONI

I movimenti collettivi accomunano le folle, i gruppi di animali come stormi di uccelli o banchi di pesci e le cellule dentro l’organismo. Il 29 settembre alle 19h30 presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci Giuseppe Nucera modera la conversazione tra esperti di migrazione per scoprire come biologia, sociologia, filosofia, etologia, fisica e bioinformatica non siano poi così lontane. [Scienza in rete; Giuseppe Nucera] 

La scienza può aiutare a comprendere fenomeni complessi come l’immigrazione? Proveranno a rispondere a questa domanda Alessandra Zampieri del Joint Research Center, Alessandra Venturini dell’Università degli Studi di Torino e Maurizio Ambrosini dell’Università degli Studi di Milano il 29 settembre alle 20h30 al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano. A moderare l’incontro Luca Carra. [Meet Me Tonight; Programma] 

LABORATORI A MEET ME TONIGHT

Nei Giardini Indro Montanelli saranno attivi laboratori per adulti e bambini sui temi della salute, dell’ambiente, dello spazio e della tecnologia. Tra questi ci sarà lo stand “Il sole in una scatola: scopriamo la fisica dei plasmi”, dove Massimo Passoni, fisico del Politecnico di Milano, realizzerà esperimenti semplici ed interattivi per aiutarci a conoscere un po’ più a fondo la natura del plasma. L’intervista di Giuseppe Nucera. [Scienza in rete; Giuseppe Nucera]

Avete mai pensato di poter costruire e programmare un robot? Grazie al laboratorio interattivo “Con Coderbot si impara giocando!” potrete provare a farlo sperimentando, mettendo alla prova le potenzialità del vostro ragionamento. Edoardo Datteri, del dipartimento di scienze umane per la formazione “Riccardo Massa” dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, ci spiega in che cosa consiste la robotica educativa. Il laboratorio sarà aperto il 29 e 30 settembre presso i Giardini Indro Montanelli. [Scienza in rete; Giuseppe Nucera]

Il 29 settembre alle 20h30 al Museo Scienza e Tecnologia di Milano, Luca Carra intervista Silvio Garattini. La scienza fa parte della nostra cultura? Abbiamo il dovere di essere sani? Qual è il futuro della ricerca? [Meet Me Tonight; Programma]

Le notizie di scienza della settimana #30

Embed from Getty Images

[pubblicato originariamente su Scienza in rete, 22 settembre 2017]

IL FUTURO IN CINA

Negli ultimi 10 anni la Cina ha radicalmente cambiato il suo sistema di trapianto degli organi. A partire dal 2010 sono stati stabiliti registri nazionali di donatori volontari e di pazienti in attesa di organi con lo scopo di interrompere la pratica di prelevare organi ai detenuti condannati a morte. L’inchiesta del Washington Post. [Washington Post; Simon Denyer]

La città di Pechino ospita le maggiori università e i più produttivi centri di ricerca cinesi. Attorno a questi, negli ultimi decenni, è cresciuto un ecosistema di società tecnologiche, oggi dei giganti del settore. Il governo cinese punta a far crescere ancora questo ecosistema, offrendo finanziamenti generosi a scienziati e ingegneri stranieri e di origine cinese ma residenti all’estero. A frenare questa politica finora sono state le lunghe procedure burocratiche per ottenere i permessi di soggiorno e la percezione che la Cina sia un Paese ancora molto chiuso. Ma le cose stanno gradualmente cambiando. Su Nature le testimonianze di tre scienziati stranieri che da anni svolgono la loro attività di ricerca in Cina. [Nature; Flynn Murphy]

Giro di vite del governo cinese sulle criptovalute: numerose piattaforme di scambio di valuta elettronica, Bitcoin ma non solo, dovranno chiudere. La decisione è motivata dalla crescita della capitalizzazione del mercato delle criptovalute in Cina, che negli ultimi 9 mesi è passata da qualche decina di miliardi a oltre cento. La stabilità di questo mercato è fondamentale alla vigilia del diciannovesimo congresso del Partito Comunista. Ma non solo. All’inizio del 2016 la Banca Popolare Cinese ha annunciato che emetterà una versione elettronica del renminbi (la moneta cinese), allo scopo di regolare il mercato delle criptovalute e ristabilire un maggiore controllo sulle operazioni condotte in questi scambi. [The Conversation; Andrew Godwin]

RECIDIVISMO NUCLEARE

In un’intervista rilasciata al New York Times, Federica Mogherini ha fermamente difeso la stabilità del patto sul programma nucleare iraniano firmato nel 2015 da Iran, Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, Cina, Francia, Russia, Regno Unito, Stati Uniti, Germania e Unione europea. A mettere in discussione l’accordo è stato Donald Trump durante il suo discorso all’assamblea generale delle Nazioni Unite in corso a New York. Fra poche settimane Trump dovrà certificare al Congresso se l’Iran sta rispettando i termini dell’accordo. La risposta del presidente iraniano Rohani è stata dura.[The New York Times; Redazione] 

Sempre durante l’assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, 50 capi di Stato e di governo hanno sottoscritto il nuovo trattato che mette al bando le armi nucleari, adottato dalle Nazioni Unite il 7 luglio scorso. Tuttavia i nove Paesi che possiedono armi nucelari, inclusi Stati Uniti e Corea del Nord, hanno rifiutato di firmare il documento, definendolo pericolosamente naif. [The Bulletin of Atomic Scientists; Tim Wright] 

A fare scalpore nel messaggio di Donald Trump alle Nazioni Unite non è stata solo la sua intenzione di rivedere il trattato sul nucleare iraniano, ma anche la dichiarazione sulla Corea Del Nord: “The United States has great strength and patience, but if it is forced to defend itself or its allies, we will have no choice but to totally destroy North Korea”. Evan Osnos, giornalista del New Yorker, ha visitato la Corea del Nord durante l’estate. Non si è trattato però di uno dei tour organizzati per i giornalisti dal governo di Pyongyang. Osnos era accompagnato solo da un fotografo e dal suo assistente. Ecco il suo reportage. [The New Yorker; Evan Osnos] 

ETICA DELLA SCIENZA / POLITICA DELLA RICERCA

Lo European Academies’ Science Advisory Council (EASAC), l’organo attraverso il quale le diverse associazioni scientifiche europee collaborano per fornire pareri scientifici indipendenti ai politici europei, ha pubblicato un documento che riguarda i rischi connessi all’omeopatia. In particolare l’EASAC sottolinea che non esistono prove scientifiche dell’efficacia di alcun composto omeopatico e che esiste la possibilità che questi danneggino i cittadini che ne fanno uso ritardando il ricorso alla medicina tradizionale. [Scienza in rete; Redazione] 

È stato inaugurato l’International Brain Laboratory (IBL), un laboratorio virtuale che ambisce a capire cosa succede nel nostro cervello quando prendiamo delle decisioni. Scienziati di diversi istituti e università condurranno esperimenti utilizzando le stesse tecniche e gli stessi soggetti così da poter confrontare i risultati. I dati saranno analizzati da un unico software e saranno a disposizione di tutta la collaborazione. L’IBL ricalca il modello del CERN di Ginevra, dove migliaia di scienziati lavorano sui dati raccolti dai quattro rivelatori posizionati lungo il Large Hadron Collider. [The Guardian; Ian Sample]

Su La Stampa si è svolto un confronto tra la posizione di Roberto Defez, dell’Istituto di Bioscienze e Biorisorse del CNR, e quella dell’Istituto Italiano di Tecnologia riguardo al finanziamento di 400 milioni di euro alla ricerca di base annunciato dalla Ministra Valeria Fedeli alcune settimane fa. [La Stampa; Redazione]

MEET ME TONIGHT

La scienza può aiutare a comprendere fenomeni complessi come l’immigrazione? Ne parleranno il 29 settembre prossimo alle 20h30 al Museo Nazionale Scienza e Teconologia Leonardo Da Vinci di Milano Alessandra Zampieri del Joint Research Center della Commissione Europea​, Alessandra Venturini dell’Università degli Studi di Torino​ e Maurizio Ambrosini dell’Università degli Studi di Milano. A moderare l’incontro Luca Carra. [Meet Me Tonight; Programma]

Il 29 settembre alle 20h30, sempre al Museo Scienza e Tecnologia di Milano, Luca Carra intervista Silvio Garattini. La scienza fa parte della nostra cultura? Abbiamo il dovere di essere sani? Qual è il futuro della ricerca? [Meet Me Tonight; Programma]

Nei Giardini Indro Montanelli saranno attivi laboratori per adulti e bambini sui temi della salute, dell’ambiente, dello spazio e della tecnologia. Potrete incontrare i ricercatori e scoprire i segreti del loro mestiere. Sia il 29 che il 30 settembre! [Meet Me Tonight; Programma]

Le notizie di scienza della settimana #29

Embed from Getty Images

[originariamente pubblicato su Scienza in rete, 15 settembre 2017]

PERDERE LA FACCIA

Uno studio pubblicato il 7 settembre scorso mostra che un algoritmo di machine learning adeguatamente allenato è in grado di ‘indovinare’ l’orientamento sessuale di una persona (omosessuale o eterosessuale) analizzando un’immagine del suo volto meglio di quanto farebbe un essere umano. L’articolo ha acceso il dibattito sulle origini biologiche dell’orientamento sessuale, l’etica delle teconologie basate sul riconoscimento facciale e il rischio che questo tipo di software violi la privacy delle persone o venga utilizzato per scopi discriminatori. [the Guardian; Sam Levin]

Una pioggia di critiche si è abbattuta su Craig Venter e la sua società ‘Human Longevity’ dal momento della pubblicazione su PNAS di uno studio che afferma che a partire dal genoma di un soggetto è possibile riconoscerlo tra 10 persone ‘osservandone’ i volti. L’approccio sviluppato da Venter e dai suoi collaboratori ha avuto successo il 74% delle volte. Da qui il monito a proteggere i database genetici, perché non esiste procedura di anonimizzazione efficace. Tuttavia due esperti nel settore della privacy genomica affermano che il campione di dati su cui è stato effettuato l’esperimento permetterebbe di riconoscere un individuo tra dieci semplicemente conoscendone età, sesso e gruppo etnico. E infatti Science aveva rifiutato di pubblicare il lavoro. [Nature; Sara Reardon]

Il 12 settembre Philip Schiller ha presentato, nell’affollato Steve Jobs Theater di Cupertino, ‘TrueDepth camera’, il sistema di riconoscimento facciale del nuovo iPhone X che permette di accedere al proprio smartphone semplicemente guardandolo. “The chance that a random person in the population could look at your iPhone X and unlock it with their face is about one in a million,” ha dichiarato. La privacy degli utenti sarà garantita dal fatto che le immagini raccolte da ‘TrueDepth camera’ resteranno sullo smartphone senza essere inviate a nessun database centrale, ma basterà? [The Washington Post; Craig Timberg]

ADDIO, FANTASTICA CASSINI

Il Grand Finale della missione della NASA Cassini è arrivato. Dopo aver sorvolato per l’ultima volta Saturno il 9 settembre, oggi la sonda si tufferà nell’atmosfera del Pianeta distruggendosi. Claudio Elidoro ripercorre le tappe di questa grande impresa scientifica cominciata nel 1997. [Scienza in rete; Claudio Elidoro] 

L’entrata in atmosfera della sonda Cassini e la sua distruzione, saranno l’ultima occasione di raccogliere osservazioni di Saturno e dei suoi anelli. Almeno per una generazione. Non sono infatti in programma missioni su Saturno nel prossimo futuro. Il 15 settembre, dunque, ha un sapore dolce e amaro. Da una parte si festeggerà il lavoro degli scienziati che dagli anni ’80 hanno dedicato il loro lavoro a Cassini, dall’altra la sonda ci lascia con alcuni misteri ancora da risolvere. [Vox; Brian Resnick] 

Il Grand Finale di Cassini verrà trasmesso in diretta sulla TV della NASA venerdì 15 settembre intorno alle 12h30 ora italiana (la sonda smetterà di inviare segnali alle 12h30, ma le ultime comunicazioni arriveranno sulla Terra 83 minuti dopo). [NASA TV Public-Education] 

ETICA DELLA SCIENZA E POLITICA DELLA RICERCA

È della scorsa settimana la notizia dei 400 milioni di euro destinati a finanziare i PRIN (Progetti di Ricerca di Interesse Nazionale) per i prossimi 3 anni. Una parte consistente di questi finanziamenti arriva dai risparmi dell’Istituto Italiano di Teconologia. La decisione della ministra Valeria Fedeli arriva dopo un anno di critiche contro l’IIT mosse soprattutto dalla Senatrice Elena Cattaneo. Ma come verranno distribuiti i fondi? [Science; Marta Paterlini] 

Solo due università italiane nella classifica di Times Higher Education ‘ World University Rankings 2018’. Si tratta della Scuola Superiore Sant’Anna e della Scuola Normale Superiore, entrambe di Pisa. Ai primi 10 posti: Oxford, Cambridge, California Institute of Technology, Stanford, Mit, Harvard, Princeton, Imperial College di Londra, University of Chicago e Eth di Zurigo. Grande successo delle università asiatiche, cinesi in particolare. La sintesi di AGI con un’intervista a Maria Chiara Carrozza, ex ministra dell’istruzione, università e ricerca ed ex rettrice della Scuola Sant’Anna. [Agi; Redazione]

L’ultimo rapporto sull’istruzione pubblicato dall’OCSE (‘Education at a glance 2017’) rivela che nel 2016 in Italia la percentuale di giovani adulti (cittadini tra i 25 e i 34 anni) in possesso di una laurea erano circa il 26%, da confrontare con la media OCSE (43%) e quella dell’Europa a 22 (40%). Tra le ragioni di questa situazione c’è da una parte la scarsa domanda di competenze di alto livello da parte di un sistema produttivo nazionale che fatica ad abbandonare la vocazione manifatturiera, dall’altra il fallimento della riforma del 3+2. [la Voce; Francesco Pastore]

MISCELLANEA

La Terra negli ultimi 540 milioni di anni ha vissuto ben cinque esperienze di premorte, cavandosela ogni volta. Di queste esperienze parla l’ultimo libro del giornalista scientifico Peter Brannen, intitolato ‘The Ends of the World’[Scienza in rete; Tania Salandin]

Il 18 settembre alle 18h30 presso il Museo della Scienza e Teconologia di Milano verrà presentato il libro ‘Le rivoluzioni dell’universo’ di Giovanni Bignami[Museo della Scienza e della Teconologia ‘Leonardo Da Vinci’]

Fino al 20 settembre potete contribuire alla produzione di due web-documentari da parte dell’associazione Cittadini reattivi, con donazioni a partire da 5 euro sulla piattaforma di crowdsourcing Produzioni Dal Basso. Fondata nel 2013 da Rosy Battaglia, Cittadini Reattivi ha raccolto in una mappa collettiva e partecipata le storie di popolazioni resilienti nell’Italia contaminata dall’epoca industriale. [Scienza in rete; Cristina Da Rold]

Le notizie di scienza della settimana #28

Il gruppo di lavoro di Safecast. Credit: Safecast.

[originariamente pubblicato su Scienza in rete, 28 luglio 2017]

RADIAZIONI

Giancarlo Cinini ha incontrato Azby Brown, designer, e Joe Moross, Ingegnere, tra gli ideatori del progetto di scienza partecipata Safecast. Subito dopo il terremoto e lo tsunami che colpirono la centrale nucleare di Fukushima l’11 marzo 2011, emerse la necessità di raccogliere dati affidabili e capillari sul livello delle radiazioni nella zona. Così è nato SAFECAST che distribuisce contatori geiger ai cittadini che intendono partecipare al progetto. Questi li assemblano e poi condividono i dati su una piattaforma on-line. E oggi SAFECAST ha raccolto dati in diverse zone del Pianeta. Le mappe sono tutte consultabili on-line. [Scienza in rete; Giancarlo Cinini]

La video intervista di Anna Lombardi e Emma D’Orto ai due ideatori di Safecast, Azby Brown e Joe Moross, in occasione del “Workshop on environmental mapping” organizzato dall’ Abdus Salam International Center for Theoretical Physics (ICTP) di Trieste. [Scienza in rete; Anna Lombardi e Emma D’Orto]

Di radiazioni ha parlato anche Claudio Elidoro. Ma si tratta, in questo caso diradiazioni cosmiche, quelle a cui sono esposti gli astronauti durante le missioni spaziali. È ben noto il ruolo delle radiazioni ionizzanti nella carcinogenesi. Due studi recenti, pubblicati su Scientific Reports, hanno evidenziato nuovi effetti dell’esposizione alle radiazioni cosmiche, in particolare se di lunga durata. Da una parte sono stati osservati danni neuronali anche sei mesi dopo l’esposizione, dall’altra i ricercatori hanno scoperto che le radiazioni non danneggiano solo le cellule che colpiscono direttamente, ma anche quelle circostanti. [Scienza in rete; Claudio Elidoro]

PROTEGGERE L’AMBIENTE

La zona del delta del Niger è tra le più inquinate del pianeta a causa dell’estrazione e raffinazione del petrolio che va avanti dal 1956. Il governo ha stimato che tra il 1970 e il 2000 ci sono state oltre 7000 perdite per un totale di 2 milioni di metri cubi di rifiuti tossici sversati. Le foreste di mangrovia, tra le più grandi di tutta l’Africa, sono coperte di un velo nero e le acque, un tempo pescose, non riescono più a dare sostentamento alle popolazioni di pescatori locali. Molti di questi hanno avviato delle raffinerie artigianali, illegali, che lavorano il greggio rubato dagli oltre 3000 km di oledotti delle multinazionali del petrolio, tra cui la Shell. Il governo annuncia ora un piano di decontaminazione, tra i più ambiziosi mai pianificati. Funzionerà? [Le Monde; Benedicte Kurzen e Joan Tilouaine] 

In un discorso pronunciato al WWF venerdì scorso 21 luglio, Micheal Gove, nuovo ministro dell’ambiente del governo May, ha affermato che la Brexit non comprometterà le politiche di protezione ambientale in Gran Bretagna e che al contrario sarà l’occasione per mettere la questione ecologica al centro del processo di uscita dall’Unione Europea. Gove, uno tra i maggiori sostenitori della Brexit, si è definito un ambientalista perché ha a cuore prima di tutto il destino degli animali e in secondo luogo l’economia britannica. Alle parole seguiranno i fatti? [Independent; Ashley Cowburn] 

Martedì 25 luglio il governatore della California Jerry Brown ha firmato una nuova legge che espande il programma cap and trade sulle emissioni di gas serra. Questa norma fa parte dell’ambizioso piano di riduzione delle emissioni da parte dello Stato fino al 40% dei livelli del 1990 entro il 2030. Il piano prevede inoltre tagli alle emissioni di metano e idrofluorocarburi, sfruttamento delle energie rinnovabili e chiusura delle centrali nucleari, sostituzione dei veicoli a benzina con quelli elettrici, trasformazione del sistema di trasporto urbano, normativa più severa sull’efficienza energetica degli edifici. L’esperienza della California ha un valore simbolico, testimonia che la decisione di Trump di abbandonare l’accordo di Parigi non interrompe l’impegno degli Stati Uniti contro il cambiamento climatico. In più è un banco di prova: può uno stato intraprendere un programma così ambizioso senza sacrificare la sua economia? [The New York Times; Brad Plumer] 

ETICA DELLA SCIENZA E POLITICA DELLA RICERCA

L’appello contro le eco-bufale e i terroristi del cambiamento climaticopubblicato il 5 luglio scorso su Il Giornale, portava la firma di Antonino Zichichi e venti fisici. Ma i venti firmatari erano davvero consapevoli di ciò che avevano sottoscritto? Dall’inchiesta di Climalteranti sembra proprio di no.[Climalteranti; Comitato Scientifico di Climalteranti e Antonello Pasini] 

Il 21 luglio Michael Matlosz ha rassegnato le dimissioni dalla posizione di direttore dell’Agence National de la Recherche (ANR). La sua decisione segue un lungo periodo di polemiche sul suo operato, sia interne all’agenzia che esterne. In particolare sono state contestate le riforme introdotte nel processo di valutazione dei progetti scientifici candidati per ricevere i finanziamenti pubblici. La notizia segue di poco la decisione del neo-insediato governo di Emmanuel Macron di tagliare circa 300 milioni di euro dai fondi per l’università e la ricerca, rendendo l’obiettivo di destinare il 3% del PIL alla ricerca per ora irraggiungibile. [Science News; Elisabeth Pain]

Nei prossimi cinque anni la Cina lavorerà per diventare a tutti gli effetti una super-potenza nella ricerca scientifica che riguarda lo spazio. Se all’inizio gli sforzi cinesi si sono concentrati più sull’ingegneria che sulla ricerca, il lavoro della Chinese Academy of Sciences ha permesso alla Cina di ottenere risultati scientifici importanti e di entrare a far parte di collaborazioni internazionali. Il governo ha finanziato con oltre 730 milioni di dollari il programma spaziale dei prossimi cinque anni e contemporaneamente la Chinese National Space Agency guiderà il progetto Enhanced X-ray Timing and Polarimetry, che ha ottenuto una parte dei fondi dai partner europei. Quello che sembra mancare è un impegno a lungo termine da parte del governo cinese. [Nature; Jane Qiu]

MISCELLANEA

Nel suo ultimo llbro ‘Il coworking della relatività’ Elena Rinaldi descrive le personalità dei matematici che contribuirono a formulare la teoria della relatività. Massimo Ottone lo ha letto per noi. [Scienza in rete; Massimo Ottone]

‘Quando l’allievo supera il maestro’ è il titolo dell’ultimo libro di Bruno D’Amore pubblicato da Edizioni Dedalo ad agosto del 2016. Il racconto, nella forma di un romanzo storico, descrive la storia di cinque coppie allievo-maestro di scienziati e artisti. L’autore, basandosi su un’accurata documentazione, cerca di ricostruire le reazioni dei maestri nel vedersi superati dai loro allievi. La recensione di Marco Taddia. [Scienza in rete; Marco Taddia]

Iniettando nel cervello di topi adulti cellule staminali neurali prelevate dall’ipotalamo di topi neonati, un gruppo di ricercatori americani ha osservato una decelerazione del processo di invecchiamento. I risultati di questi studi sono pubblicati sull’ulitmo numero di Nature. [Nature; Sara Reardon]

Le notizie di scienza della settimana #27

“Weapons of math destruction – How big data increases inequality and threatens democracy”. Credit: Chiara Sabelli.

[originariamente pubblicato su Scienza in rete, 21 luglio 2017]

ALGORITMI INGIUSTI

Ammantati dell’aurea di oggettività che solo formule e numeri possono vantare, gli algoritmi sembrano essere in grado di correggere la fallacia intrinseca nel ragionamento umano. Ma non sono che “opinions embedded in mathematics” e incorporano i pregiudizi di coloro che li sviluppano e dei dati da cui apprendono. Questo il punto del libro “Weapons of math destruction”, scritto da Cathy O’Neil, dottorato in matematica a Harvard, poi analista finanziaria a Wall Street e oggi giornalista, attivista e “algorithmic auditor”. [Scienza in rete; Chiara Sabelli]

Nello scandalo che nel 2014 coinvolse la VolksWagen era impiegato un algoritmo in grado di capire se era in corso un test sulle emissioni prodotte dall’automobile. Partendo da questa osservazione, Cathy O’Neil individua una serie di somiglianze tra l’industria automobilistica e le industrie (più di una) che oggi utilizzano algoritmi per condurre le proprie attività. Una serie di norme e controlli hanno permesso di aumentare progressivamente la sicurezza dei veicoli a quattro ruote. In particolare, la certezza e l’entità delle sanzioni ha dissuaso coloro che volevano commettere illegalità. Serve un National Algorithms Safety Board, analogo al National Transport Safety Board, la versione statunitense dello European Transport Safety Council. La differenza è che rilevare gli ‘incidenti’ sarà molto più complicato. [The Guardian; Cathy O’Neil]

DIAMO I NUMERI SULL’AMBIENTE

3 m2 al secondo. Tra novembre 2015 e maggio 2016 abbiamo perso circa 50 chilometri quadrati di suolo (circa 3 metri quadrati al secondo). Questi sono i dati riportati nell’edizione 2017 del Rapporto sul consumo di suolo in Italia, realizzato dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Anche se la velocità di consumo del suolo si è ridotta rispetto al periodo 2008/2013, il fenomeno continua irreversibile. Oggi la superficie occupata da edifici, impianti industriali e infrastrutture è di 23 mila chilometri quadrati, pari alla dimensione di Campania, Molise e Liguria messe insieme. Lorenzo Ciccarese e Michele Munafò fanno il punto sugli utlimi numeri e commentano la legge in discussione al Parlamento che appare insufficiente e indietro rispetto alle richieste europee. [Scienza in rete; Lorenzo Ciccarese e Michele Munafò] 

8,3 miliardi di tonnellate. È la quantità di plastica prodotta dal 1950, quando il materiale ha comminciato a diffondersi. 7 miliardi di tonnellate sono ancora sulla Terra nella forma di rifiuti interrati nelle discariche, oggetti riciclati e inquinamento nell’ambiente. Questi sono i risultati salienti di uno studio pubblicato su Science Advances da un gruppo di tre ricercatori statunitensi, che hanno “seguito” la produzione e la distribuzione della plastica per riuscire a ottenere questa stima. Ciò che è ancora più preoccupante è la previsione al 2050: 13 miliardi di tonnellate di plastica saranno state buttate via per quella data. [Washington Post; Darryl Fears] 

ETICA DELLA SCIENZA / POLITICA DELLA RICERCA

Maryam Mirzakhani, matematica iraniana prima donna a ricevere la medaglia Fields, è morta a 40 anni per le metastasi di un tumore al seno. Svolgeva la sua ricerca al confine tra i sistemi dinamici e la geometria iperbolica. “You have to ignore low-hanging fruit, which is a little tricky,” aveva dichiarato in un’intervista realizzata da Quanta Magazine, in cui si era definita una matematica “slow”, che tende a seguire cioè il percorso meno battuto.[The New York Times; Kenneth Chang] 

Da quando il presidente Emmanuel Macron ha lanciato l’iniziativa ‘Make our planet great again’, oltre 150 ricercatori provenienti da tutto il mondo hanno fatto domanda per ricevere uno dei finanziamenti quadriennali per svolgere in Francia la loro attività di ricerca sul cambiamento climatico. La presidenza della Repubblica francese ha stanziato 60 milioni di euro e il finanziamento di ciascun progetto non potrà superare 1,5 milioni di euro. Se all’estero molti hanno accolto con entusiasmo la notizia, gli scienziati francesi sono molto perplessi, soprattutto dopo l’annuncio che i tagli alla spesa pubblica interesseranno anche la ricerca scientifica e l’istruzione superiore per circa 330 milioni di euro. [Nature News; Declan Butler]

Un’analisi condotta su Twitter rivela come l’utilizzo di questo social network da parte degli scienziati non contribuisce a raggiungere un pubblico diversificato e indica che le metriche basate sui social media, come Altmetrics, potrebbero non essere stime affidabili dell’impatto di un risultato di ricerca fuori dalla comunità di specialisti e nella società più in generale. I risultati sono stati di questa analisi sono stati pubblicati su PLoS ONE. [LSE Impact Blog; Qing Ke, Yong-Yeol Ahn e Cassidy R. Sugimoto]

MISCELLANEA

Francesca Busetti ha intervistato Ferruccio Pisanello e Massimo De Vittorio dell’Istituto Italiano di Tecnologia, tra gli autori di una recente pubblicazione su Nature Neuroscience riguardo un nuovo tipo di fibra ottica per la stimolazione luminosa dei circuiti neurali[Scienza in rete; Francesca Busetti]

Su Scientific Reports tre astrofisici si sono chiesti qual è la probabilità che un evento astrofisico cancelli completamente la vita dalla Terra. La risposta è rassicurante: circa 1 parte su 10 milioni sull’orizzonte temporale di 1 miliardo di anni. Per ottenere questa stima i tre scienziati hanno considerato tre possibili minacce (un asteroide, l’esplosione di una supernova e Gamma Ray Burst) e valutato quale sarebbe stato il loro effetto sui tardigradi. Questi minuscoli invertebrati, gli unici esseri viventi che finora sono sopravvissuti al vuoto dello spazio, sono in grado di tollerare temperature fino ai 150 gradi centigradi. [The Atlantic; Ed Yong]

La topologia, lo studio delle forme e della loro posizione nello spazio, è diventata uno strumento fondamentale per la comprensione della fisica dei materiali. Tutto è cominciato quando negli anni ’80 David Thouless ipotizzò una spiegazione topologica per l’effetto Hall quantistico. Per questa scoperta Thouless ha vinto il premio Nobel per la fisica nel 2016 insieme a Haldane e Kosterlitz. Da allora molti altri materiali topologici sono stati scoperti e spiegati dal punto di vista teorico. La prossima sfida è la comprensione dei sistemi in cui gli elettroni interagiscono intensamente tra loro. Questi materiali potrebbero svelare una nuova classe di fenomeni che ancora non immaginiamo. [Nature; Davide Castelvecchi]

Algoritmi ingiusti

[pubblicato originariamente su Scienza in rete, 17 luglio 2017]

Pubblicità online, gestione del rischio finanziario, valutazione degli insegnanti delle scuole pubbliche, ranking delle università, sicurezza, giustizia, selezione del personale, organizzazione dei turni di lavoro, assicurazioni, campagna elettorale. Cos’hanno in comune queste attività? In ognuna di loro trova impiego uno tra i cosiddetti Weapons of math destruction, letteralmente “armi di distruzione matematica”, ma più propriamente “armi matematiche di distruzione di massa”, per rendere conto del riuscito gioco di parole che dà il titolo al secondo libro di Cathy O’Neil, pubblicato da Crown Publishing ad agosto del 2016, dal sottotitolo eloquente: “How big data increases inequality and threatens democracy”.

Continua a leggere Algoritmi ingiusti

Le notizie di scienza della settimana #26

Embed from Getty Images

[originariamente pubblicato su Scienza in rete, 15 luglio 2017]

MIGRANTI IN EUROPA: COSA CI DICONO GLI ULTIMI DATI?

Le persone che nel 2016 hanno fatto richiesta d’asilo in uno dei Paesi OECD sono circa 1,6 milioni. Di queste solo 122 mila hanno depositato la loro richiesta in Italia (soprattutto da Nigeria, Gambia e Pakistan) contro gli oltre 700 mila della Germania (soprattutto da Siria e Afghanistan). Pietro Greco analizza e commenta i dati sulle migrazioni contenuti nell’ultimo International Migration Outlook dell’OECD. Il quadro che emerge è quello di un Paese, l’Italia, solo lambito dagli eccezionali flussi migratori di questi anni. E sottolinea un dato importante. Nel biennio 2014/2015 l’Italia è stato l’ottavo Paese esportatore di persone (325 mila emigrati in un altro paese OECD) dopo Cina, Romania, Polonia, Siria, India, Filippine e Messico.[Scienza in rete; Pietro Greco]

Tito Boeri ha dichiarato il 4 luglio che se il flusso migratorio verso l’Italia si interropmesse, il sistema di welfare del nostro Paese entrerebbe in crisi. Open Migration ha intervistato i ricercatori della Fondazione Leone Moressa, istituto di ricerca specializzato in economia del’immigrazione, per capire su quali dati Boeri ha basato la sua previsione. L’inferiore età media degli stranieri residenti in Italia rispetto agli italiani fa sì che gli immigrati abbiano un minor impatto sulla spesa pubblica. Negli utlimi anni il saldo netto, differenza tra tasse e contributi pagati e servizi di welfare utlizzati, è di 2 miliardi di euro all’anno. [Open Migration; Redazione]

Un database sulle richieste d’asilo in Europa dal 2008 al 2016: numeri assoluti, percentuali rispetto alla popolazione e al prodotto interno lordo pro capite del Paese accogliente. I dati sono stati elaborati da Europe Data News Hub, un consorzio nato a giugno e formato da tre testate giornalistiche europee: l’italiana ANSA, la francese AFP e la tedesca DPA. Il consorzio, che verrà finanziato dall’Unione Europea con circa 1 milione di euro per due anni, pubblicherà contenuti basati sui dati riguardo alla politica europea in diverse lingue. [Europe Data News Hub; Redazione]

SIAMO A UN PUNTO DI ROTTURA SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO?

La piattaforma Larsen C, dal peso superiore a tremila miliardi di tonnellate e superficie paragonabile a quella della Liguria, si è staccato dalla costa orientale della penisola Antartica. Si tratta dell’iceberg più grande mai osservato. Il suo distaccamento ci offre una preoccupante anteprima del definitivo scioglimento dei ghiacci in Antartide. [The New York Times; Jugal K. Patel e Justin Gillis] 

Sono 2 miliardi le persone nel mondo che mangiano insetti, soprattutto nell’area dell’Asia Pacifica. In occidente questa pratica alimentare è ancora poco diffusa. Eppure l’entomofagia potrebbe essere d’aiuto nel contrastare il cambiamento climatico. Se una mucca ha bisogno di 8 kg di mangime per produrre 1 kg di carne, i grilli necessitano solo di 1,4 kg di mangime per produrre lo stesso quantitativo di carne. Se rimpiazzassimo la metà della carne che mangiamo con insetti, l’estensione di terra coltivata si ridurrebbe di un terzo, riducendo notevolmente le emissioni di gas-serra.[Undark Magazine; Marcello Rossi] 

Le specie vegetali “invasive” stanno superando le piante alpine nella conquista di nuovi habitat. Con l’aumento delle temperature le piante alpine si spostano gradualmente ad altitudini più elevate, ma un nuovo studio rivela che lo fanno più lentamente delle specie invasive e questo minaccia la loro sopravvivenza. L’articolo, pubblicato su Nature Climate Change, riporta i risultati relativi a 1300 specie di piante monitorate sul Monte Baldo, nella zona delle Alpi Bresciane, dal 1989 a oggi. [New Scientist; Andy Coghlan] 

ETICA DELLA SCIENZA / POLITICA DELLA RICERCA

Trieste sarò capitale della scienza nel 2020, ospitando l’EuroScience Open Forumm (ESOF 2020). Questo il verdetto arrivato da Strasburgo l’11 luglio e comunicato da Stefano Fantoni, presidente della Fondazione Internazionale di Trieste ed ex direttore della SISSA, in una partecipata conferenza stampa. Il capolouogo giuliano ha battuto una candidatura forte, quella della coppia di città olandesi Leida-L’Aia. ESOF 2020 promette inoltre di cambiare il volto del Porto Vecchio, con la costruzione di auditorium, sale conferenze e uffici, restituendo vitalità a una zona storicamente fondamentale per Trieste. [il Piccolo; Redazione]

Scienza in rete ha sostenuto la candidatura di Trieste a ospitare ESOF 2020. Si tratta del più grande incontro su ricerca e innovazione in Europa, l’occasione per un dibattito tra scienziati, decisori politici, imprenditori, giornalisti e cittadini. I motivi del nostro endorsement spiegati da Pietro Greco.[Scienza in rete; Pietro Greco]

Per molti ‘Superquark’ è sinonimo di comunicazione della scienza al grande pubblico in Italia. L’ultimo libro di Piero Angela ‘Il mio lungo viaggio. 90 anni di storie vissute’, è “Un libro davvero particolare”, secondo Pietro Greco, “E non solo perché è un’autobiografia scritta in punta di penna. Con leggerezza e sobrietà. Ma perché vi traspare quello che, a nostro avviso, è il vero segreto del suo successo: la gentilezza d’animo.” [Scienza in rete; Pietro Greco]

MISCELLANEA

La scorsa settimana l’esperimento LHCb, uno dei quattro esperimenti attivi al CERN di Ginevra, ha annunciato la scoperta di un barione contenente due quark charm. Di che si tratta? Come questa scoperta aiuta a comprendere meglio le interazioni che tengono legati i quark all’interno di particelle osservabili in un acceleratore? Ecco la complessa vita sociale dei quark. [Scienza in rete; Chiara Sabelli]

Si sono svolti a Verona alla fine di maggio i festeggiamenti per il vent’anni della Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica. Un ospite d’eccezione ha preso parte all’evento. Si tratta dello scienziato Paul Quinton, che nel 1963 scoprì di avere lui stesso la fibrosi cistica e da quel momento dedicò la sua vita alla ricerca di tecniche di diagnosi e cura per questa malattia. Ecco la video-intervista di Flaminia Malvezzi con l’aiuto degli studenti del Liceo Scientifico Istituto Don Bosco di Verona (Don Bosco 2015 – Verona).[Scienza in rete; Flaminia Malvezzi]

Un gruppo di ricercatori della Harvard Medical School ha registrato un video nel genoma di un batterio Escherichia Coli usando la tecnica di editing CRISPR-Cas. Questo risultato mostra le enormi potenzialità che il DNA ha come supporto per immagazzinare dati, una funzione particolarmente importante vista l’enorme quantità di informazioni che vengono prodotte quotidianamente e la rapida obsolescenza cui vanno incontro i dispositivi tecnologici. [The New York Times; Gina Kolata]